15.4.13

Cosa è successo alla Maratona di Boston?

Due bombe sono esplose sul traguardo della 117a edizione della Maratona di Boston, quando ormai gli atleti migliori erano già transitati: al momento ci sarebbero 3 morti e almeno 64 feriti; stanno circolando terribili fotografie di persone ferite, con gli arti tranciati. Una terza esplosione sarebbe avvenuto alla biblioteca John Fitzgerald Kennedy, fortunatamente senza causare vittime. La polizia avrebbe trovato altre due bombe, le quali sarebbero già state fatte brillare. Sul cielo di Boston è già stato chiuso lo spazio aereo, e l'allerta di è estesa a Washington e New York.

Secondo il vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden potrebbe trattarsi di un attentato. Se così fosse, chi è il responsabile? Da dove arriva? C'è un mandante interno, intenzionato a colpire il Presidente Obama in un momento storico nel quale all'estero l'amministrazione USA è già chiamata ad affrontare la difficile situazione nord-coreana? Oppure bisogna cercare tra i soliti noti, che evidentemente non sono ancora stati schiacciati del tutto? Oppure è entrato in scena un "nuovo" attore, che semplicemente vuole provocare gli USA? Ma soprattutto: come risponderanno - se risponderanno - gli Stati Uniti d'America a questa provocazione?

Dev'esserci un disegno in tutto questo. Se c'è, devono esserci dei responsabili. Che andranno individuati e trattati come meritano: prepariamoci, le bandiere della pace stanno per tornare di moda.

[AGGIORNAMENTO] I feriti salgono a oltre 100. Pare invece che le vittime siano 2. Secondo l'amministrazione americana si tratterebbe di un attacco ben coordinato e collegato.

[AGGIORNAMENTO] Le bombe in totale sarebbero 4: due quelle esplose sul traguardo della Maratona, una fatta detonare dalla polizia in Boylston Street e un'ultima esplosa - senza fare vittime - alla biblioteca John Fitzgerald Kennedy. Ancora nessun intervento da parte di Barack Obama, che probabilmente sta attendendo maggiori dettagli sull'accaduto.

[AGGIORNAMENTO] Sembra che quanto accaduto alla biblioteca John Fitzgerald Kennedy sia imputabile ad un incendio e non ad una bomba; in ogni caso, il fatto sarebbe collegato agli altri attacchi, secondo quanto sostiene la polizia. I feriti ammonterebbero a 90, mentre le vittime sarebbero 2.

[AGGIORNAMENTO] Eccoli. Sono già arrivati, anche se per ora si nascondono dietro i profili dei social network, dove al grido di "se la sono meritata" inneggiano agli attentati contro gli Stati Uniti "guerrafondai". Senza parole.

Ulteriori aggiornamenti su Boston.com.

Il momento dell'esplosione della prima bomba.

Posta un commento
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget