25.3.06

...come Antonioli su un calcio di rigore

Sempavor aveva il dono di immaginare.
All'improvviso, senza alcun preavviso, fuggiva dalla realtà e cominciava a navigare nei suoi pensieri, immaginando e sognando. A volte, però, quando una realtà particolarmente inaspettata lo richiamava all'ordine, si risvegliava di colpo e rimaneva allibito come una scimmia, indeciso se quel che era successo fosse realtà, o la solita rifritta finzione.
Restava con il dubbio.
Restava con gli occhi sbarrati, e la voce strozzata.

Spiazzato.
Come Antonioli, su un calcio di rigore.
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget