1.5.07

In direzione ostinata e contraria

Mi sono sempre chiesto perchè, su tutte le strade che ho pecorso, il traffico era sempre maggiore nella corsia opposta alla mia.
Beandomi della strada spianata che avevo di fronte, ridevo sotto i baffi (o il pizzetto, dipende dal periodo preso in considerazione) di tutte quelle persone costrette in una coda lunga lunga; io intanto pigiavo sull'acceleratore, e divoravo terra e pneumatico.
Poi inizi a trovare gli idioti che vanno a non più di 30 all'ora, e il bello arriva quando ti rendi conto che non puoi mica superarli; devi solo sperare che si tolgano dalle palle loro. L'alternativa è comprarsi un bel fuoristrada, e amen.
Poi inizi ad incrociare i piloti che, nella famosa corsia opposta alla tua, non appena vedono spazio libero decidono che le loro traiettorie son le uniche a contare, e tagliano curve come fossero taleggio (mmm, taleggio...); care grazia che di norma fai in tempo non solo a vederli arrivare, ma anche a spostarti leggermente fuori strada (per evitare l'impatto) e a fare loro il dito.
Beandomi della mia aggressività automobilistica, mi chiedo dove va tutta le gente che viaggia nella direzione opposta alla mia, e se non sia io quello che sta viaggiando in direzione ostinata e contraria.
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget