27.1.07

I parenti

I parenti?
Ce li scegliamo, no?
Chi ci obbliga a collezionarli tutti? Ah, direte voi: se ci vivi insieme, per forza che te li ritrovi sul groppone, tutti i santissimi e sacri giorni; è una palla 'sta menata che i parenti te li scegli, vecchio Sempavor. Devi fare buon viso a cattivo gioco, perchè alla fine puoi contare solo sulla famiglia, e quando c'è bisogno sai che è lì che...blablabla..blabla...bla.
Storie.
Nell'arco di una vita ce ne passano accanto, di persone; inciampiamo in casi umani di ogni tipo, a volte ne veniamo travolti, altre nemmeno ci accorgiamo di loro (e magari avremmo dovuto). Pensate a tutte quelle persone che avrebbero potuto darvi tanto, dal punto di vista umano ed affettivo, e invece nemmeno è mai capitato di scambiarci quattro chiacchiere insieme. Le abbiamo lasciate scivolare via, senza nemmeno voler sapere come sarebbe stata "la loro fotografia".

Il caso ci travolge, ci indirizza.
Sta a noi aprire i maledetti occhi che abbiamo, e prendere le vie giuste. Prenderle al volo, all'ultimo momento, ma prenderle, cazzo. Perchè questo mare di gente lo attraversiamo una volta, con la faccia che abbiamo addosso ora (ma questa è un'altra storia).
Be', morale della favola: già dovrebbero girarci i coglioni per tutte le belle persone che per un motivo o per l'altro non abbiamo avuto modo di incontrare, e qualcuno vorrebbe farmi credere che non è nemmeno nostro diritto sceglierci i parenti?! Ma che, scherziamo? Cornuti e mazziati, insomma, dovremmo anche tenerci sulle croste certe persone, solo perchè il caso (stramaledettisimo caso) ha voluto che fossimo legati da qualche strano vincolo di sangue?
I parenti?
Io me li scelgo. Voi, fate quel che volete.

Ma poi non lamentatevi della qualità della vita.
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget