27.9.13

Il mistero misterioso della pubblicità condominiale

La pubblicità condominiale: quella cosa per la quale esiste un pratico contenitore ad essa dedicato, ma che a causa dell'estrema perizia degli addetti alla sua distribuzione finisce sempre per motivi che restano oscuri alla razza umana nelle cassette che invece dovrebbero essere deputate a ricevere esclusivamente la normale posta (roba che a volte ti viene la voglia di regidere una bella blacklist di tutte le aziende che, appunto per troppa perizia, ti sono finite in mezzo alla posta invece di restarsene nell'immon...nel contenitore dedicato alla pubblicità).

Ma il mistero veramente misterioso a proposito della pubblicità condominiale è la sua tendenza a rimaterializzarsi all'interno della tua cassetta della posta, dopo che avevi provveduto a liberarti di tale cartaccia indesiderata: capita infatti di togliere un volantino pubblicitario la mattina, e di ritrovarlo ancora nella cassetta della posta il pomeriggio. Uguale uguale. Roba - appunto - che all'inizio ti viene da pensare al mistero misterioso della materializzazione dei volantini pubblicitari dal nulla, e quasi quasi finisci per credere anche alla storia della moltiplicazione dei pani e dei pesci.

Poi ti accorgi che, se è vero come è vero che il volantino pubblicitario che avevi tolto dalla tua cassetta della posta si è rimaterializzato come per magia all'interno della suddetta cassetta della posta, è altrettanto vero che il medesimo voltantino si è viceversa smaterializzato da una ed una sola delle cassette della posta degli altri condomini. E allora più che alla moltiplicazione dei pani e dei pesci ti viene da riflettere un attimo sulle addizioni (tipo 2 + 2), per ritrovarti infine a credere alla storia della moltiplicazione delle bestemmie.

Evviva la pubblicità condom anale.

22.9.13

Andare contro il darwinismo

Charles Robert Darwin sarebbe sorpreso di vedere quante prove esistano, oggigiorno, contro la sua teoria della selezione naturale. Soprattutto in Italia, gente: scendete per strada e voltatevi prima a destra, poi  a sinistra; oppure accendete la tivvù; oppure salite in automobile e fatevi un giro. Darwinismo. Sfatato.

Andare contro il darwinismo. Si può.

Andare contro il darwinismo. Si può.

21.9.13

I cani scodinzolano per inerzia

Il magico mondo degli animali è bello perchè è vario: ci sono le gazzelle, i leoni...e a sentire certe storie passano tutto il tempo a rincorrersi, e poi ci sono i cani. Di tante razze differenti. Innumerevoli razze differenti.

A proposito di cani. Verità incontrovertibile: i cani scodinzolano per inerzia.

I cani scodinzolano per inerzia.

20.9.13

Topolino, Carlo Parola, Panini e...

Il numero 3019 di Topolino, in uscita il prossimo 2 ottobre, sarà il primo ad essere pubblicato sotto le insegne della Panini Comics (dopo che nel luglio scorso era stato annunciato un accordo preliminare tra la Disney e l'editore modenese per la cessione della divisione periodici della Disney stessa). In copertina un geniale disegno di Giorgio Cavazzano (che nel mio periodo di collezionista di Topolini era il mio disegnatore favorito) che ritrae il famigerato topo nelle acrobatiche vesti di Carlo Parola, il difensore della Juventus autore della famosa rovesciata ritratta sulle bustine delle figurine Panini dei calciatori.

Nel 1998, con il passaggio del settimanale dalla Mondadori alla Disney, quest'ultima ci aveva martoriato le gonadi al grido di "Topolino, più Topolino che mai"; la domanda, ora, sorge dunque spontanea: Topolino sarà ancora "più Topolino che mai"?

Adesso non sarà più "più Topolino che mai"???

13.9.13

Ritorna TGM Online

Ritorna TGM Online, cioè no: è già tornato.

Nel suo primo editoriale di questo nuovo corso Claudio "Keiser" Todeschini spiega la rava e la fava a proposito del ritorno del desaparecido, che assume le vesti di blog nel quale - ovviamente - si parlerà quasi esclusivamente di PC, eccetera eccetera. Ora, non dico che questa notiziuola mi faccia improvvisamente sentire più gggiovane (anche perchè la recente uscita del numero 300 di The Games Machine mi aveva già fatto sentire più vecchio, e quindi al massimo tornerei in pari con il conto), ma quantomeno mi rallegra la giornata.

Dice bene il Keiser, quando definisce il nuovo TGM Online come "una seconda casa, un posto tranquillo e sereno dove trovare qualcuno con cui parlare di videogiochi"...e senza nemmeno doverci pagare sopra l'IMU, mi permetto di aggiungere. Era ora.

Era ora.

11.9.13

L'11 settembre e il triste destino degli USA

L'11 settembre 2001, improvvisamente, tutti (o quasi) ci sentivamo un po' americani: gli attentati alle Torri Gemelle scuotevano il mondo, e lo scuotevano tanto forte che dopo tanto tempo ognuno di noi ancora si ricorda esattamente dove fosse e costa stesse facendo in quell'istante che ha cambiato la storia. Oggi, a distanza di 12 anni, con gli USA strattonati per la collottola verso l'intervento militare in Siria, la situazione è diversa.

Mentre mezzo mondo è indignato per l'utilizzo da parte delle autorità siriane di armi chimiche e si chiede cosa fare per evitare il ripetersi di nefandezze simili, l'altro mezzo mondo - al solito - chiude gli occhi, si volta dall'altra parte e preferisce puntare il dito contro gli americani, colpevoli una volta di più di voler imporre la propria politica anche con la forza (non l'avessero fatto anche qui in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale ora faremmo tutti il passo dell'oca). Gli americani dunque sarebbero il cancro del mondo, i "cattivi" disposti a tutto pur di difendere i propri interessi, i guerrafondai pronti a bombardare i siriani per evitare che i siriani uccidano altri siriani (non fa una grinza).

Che tristezza: se intervieni, sei uno stronzo figlio di puttana; se non intervieni, sei un egoista che se ne sta con le mani in mano perchè intervenendo non avresti nulla da guadagnare (tipicamente, il petrolio). In tutto questo, a tanta - troppa - gente sembra fottere sega dei civili siriani ammazzati con le armi chimiche, come sembra fottere sega del fatto che le autorità siriane, una volta ritrovatesi con il pepe al culo, abbiano finito per ammettere il possesso di armi chimiche. Perchè stupirsi, dopo tutto? Anche l'11 settembre 2001, improvvisamente, c'era tante gente che festeggiava.

Senza vergogna.

We're not afraid.

5.9.13

Alice In Chains, Voices: il video



Giorno ricco mi ci ficco: dopo il video della title track del loro ultimo album, "The Devil Put Dinosaurs Here", oggi arriva anche il video del secondo nuovo singolo degli Alice in Chains: "Voices".

Una canzone sicuramente più cantrelliana che...uh che termine orrendo...aliceinchainsiana, che fin dall'uscita dell'album pur non riscontrando il mio favore mi aveva stranamente e misteriosamente attratto. Questo video non solo le rende giustizia, ma riesce nell'impresa di farmela definitivamente apprezzare, tra un William DuVall che di tanto in tanto miagola in maniera notevole ed un Jerry Cantrell che in futuro dovrebbe vietare ad ogni regista di inquadrarlo in primo piano, chè l'età ahimè avanza per tutti.

Alice In Chains, The Devil Put Dinosaurs Here: il video



Giorno ricco, questo, per i malati di Alice in Chains: arrivano infatti i video dei due nuovi singoli tratti dall'album "The Devil Put Dinosaurs Here"; il primo, visibile qui sopra, è proprio quello della title track.

In questi giorni, dopo aver felicemente concluso la titanica opera di recupero dei vecchi CD della band (visto che ormai le musicassette preferisco lasciarle in quell'angolino della memoria nel quale non torno spesso), mi è capitato di riflettere sulla differenza che passa tra gli Alice in Chains di Layne Staley e gli Alice in Chains di William DuVall. E - visto che voglio essere buono - dico che la differenza sono i capelli di Jerry Cantrell, ieri lunghi ed oggi vergognosamente corti.

2.9.13

In vendita la maglia ufficiale del Perugia

Scelta dai tifosi: è la maglia ufficiale dell'AC Perugia Calcio, realizzata dallo sponsor tecnico Frankie Garage e disponibile per l'acquisto online su FGSport.it a questo indirizzo. Il nuovo main sponsor è Officine Piccini, continua la partnership con Ital Proget e sulla spalla sinistra compare il nostro amato Grifo.

La maglia ufficiale del Perugia è disponibile sia nella versione a maniche corte (prezzo 44 €) che nella versione a maniche lunghe (prezzo 49 €), entrambe declinate nelle colorazioni rossa, bianca e nera; è inoltre possibile aggiungere la patch della Lega Pro al costo di 3 €, ed allo stesso prezzo si può scegliere di stampare sulla schiena il proprio numero preferito.

Sarebbe bello poter seguire la squadra al Curi tutte le domeniche, ma non a tutti è data questa possibilità: non per questo si è meno tifosi, soprattutto se anche da lontano si sostiene comunque il Grifo acquistando - per esempio - questa stupenda maglia ufficiale della stagione 2013-2014. Forza Grifo!


Dai, dai, dai, Perugia vincerai!!!
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget