31.3.12

Il Real Madrid si toglie la croce

...o, detto altrimenti, si cala le braghe.

Come potete leggere su Il Giornale in edicola oggi e sul sito del quotidiano, in un interessante articolo Tony Damascelli spiega il perchè ed il percome la più gloriosa squadra di Madrid abbia deciso di svendere la propria storia ed il proprio blasone per non offendere gli amici degli Emirati Arabi.

Il club spagnolo è infatti impegnato nella costruzione di un lussuoso resort sull'isola di Ras Al Khaimah e, per evitare di offendere gli indigeni con simboli "infedeli" ha deciso - ovviamente con il beneplacito del presidente (ancora per poco, si spera!) Florentino Perez - di eliminare la croce dal proprio simbolo. Insomma, da oggi sarebbe opportuno chiamare il Real Madrid con un nome differente, visto che anche il simbolo è differente: Cobarde Madrid andrà benissimo.

Da oggi i giocatori del Cobarde Madrid scenderanno in campo senza pantaloncini, così non perdono tempo a calarseli.

29.3.12

Mass Effect 3, finalmente


Finalmente, dopo un'attesa più lunga di quanto inizialmente preventivato (...e nonostante Gamestop), anche il sottoscritto è riuscito a mettere le mani su Mass Effect 3, nello specifico sulla N7 Collector's Edition (versione PC, ovviamente).

Prenotata proprio da Gamestop nel lontano giugno 2011 (giugno 2011!), l'edizione per feticisti "medi" mi riservava però una brutta sorpresa: il giorno dell'uscita del gioco, 9 marzo 2012, venivo contattato da un commesso di Gamestop il quale mi comunicava che, per problemi causati dal fornitore, tutte le copie della N7 Collector's Edition per PC sarebbero arrivata con un leggero ritardo; il problema, come avevo modo di constatare spulciando il sito e facendo un po' di telefonate sparse, riguardava tutti i punti vendita Gamestop del nord Italia (non mi sono spinto oltre).

Mi metto il cuore in pace, e attendo: a distanza di 7 giorni, però, arriva l'inaspettata (ma neanche tanto...) notizia: il commesso di Gamestop richiama per dirmi che, in realtà, il publisher ha immesso sul mercato un numero fortemente limitato di N7 Collector's Edition per PC, e che dunque la mia copia prenotata 9 mesi prima non mi sarebbe mai stata consegnata. Incredibile a dirsi, un nuovo spulciamento sul sito ed un nuovo giro di telefonate mi confermano che effettivamente tutti i punti vendita Gamestop del nord Italia non hanno ricevuto (e mai riceveranno) la N7 Collector's Edition per PC.

A quel punto parte la caccia, dopotutto mica sono abbligato ad acquistare da Gamestop! Con poca sorpresa, però, scopro che i vari Mediaworld, Trony, Euronics & Co sono nella medesima situazione di Gamestop: il prodotto non è mai arrivato nei loro magazzini, e in alcuni casi è già uscito dai rispettivi cataloghi. Prima che io inizi ad alterarmi sul serio, ecco che mi viene la Grande Idea.

Telefono al servizio clienti di Electronic Arts, e spiego la situazione ad un gentile signore. Ovviamente mi viene detto che non è affatto vero che la N7 Collector's Edition per PC è stata distribuita poco e male, tanto più che nel corso dello speciale evento tenutosi a Milano il gentile signore ha visto coi propri occhi ben 15 scontrini per quella versione! Ed ecco che anche il gentile signore che parla per conto di EA ha una Grande Idea: se proprio non riesco a trovare il gioco in formato fisico, posso comodamente acquistarlo in formato digitale su Origin (lo Steam di EA, per intenderci)!

Cioè, fammi capire, cara EA: i rivenditori sostengono che tu non hai - di fatto - distribuito l'edizione da collezione di uno dei tuoi titoli di punta nella versione PC, ed il tuo servizio clienti non solo mi racconta che la distribuzione è avvenuta regolarmente, ma viene anche a dirmi che se proprio non riesco a trovarla posso acquistarla in digitale sul tuo client? Dovrei acquistare in digitale una collector's edition? E cosa dovrei farmene della toppa in stoffa in formato digitale? O dell'artbook in formato digitale? Se l'obiettivo era quello di rendermi (ancora più) inviso Origin ci sei riuscita...e credo di non essere l'unico che, dopo questa avventura, eviterà di spendere i suoi soldi su questa piattaforma.

E, dimenticavo: alla fine l'unica versione della N7 Collector's Edition per PC che sono riuscito a trovare aveva la scatola in francese. Cribbio. In francese.

24.3.12

Francesco Renga - Ci Sarai


Francesco Renga - Ci Sarai

18.3.12

L'ultimo concerto di Ivano Fossati


Breve nota tratta dal sito ufficiale di Ivano Fossati:

L'ultimo concerto di Ivano Fossati si terrà il prossimo 19 marzo al Piccolo Teatro di Milano (Teatro G. Strehler); dai concerti del Decadancing tour verranno tratti un cd live e un DVD in uscita il prossimo autunno.

12.3.12

Arisa - Sincerità


Musica anziana per anziani.

10.3.12

Un piccolo passo per l'uomo...

Il primo l'uomo a mettere piede sulla Luna, nel momento fatale in cui poggiò l'americana suola sul nostro satellite preferito, proferì le famose parole "questo è un piccolo passo per l'uomo, ma un grande passo per l'umanità".

Ognuno di noi ha i suoi piccoli ma importanti passi, quelli che quando li fai ti rendi conto di quanto sia stato importante tutto il cammino che ti ha portato, alla fine, a compiere quel singolo appoggiamento di suola che ti ha aperto un mondo. Son quei passi che ti fanno riflettere, e non te l'aspettavi - perlomeno in quel momento - perchè a te certe cose - cose materiali - non ti hanno mai smosso più di tanto.

Eppure capita che un cammino, a volte, venga effettivamente incarnato in quell'unico passo, in quell'istante di meraviglia in cui hai tra le mani la rappresentazione tangibile di quello che stavi aspettando, di quel che sarà, e capisci che lì c'è per davvero tutto quello che per te è più prezioso. Il tuo tesssoro, insomma, oppure il tuo satellite personale. La tua Luna.

Indovina gli elementi mancanti...

2.3.12

Far West Road 11

Il Giustiziere della Notte è tornato, solo che stavolta è anziano, non rispetta il codice della strada ed arriva...di giorno.

Stai portando a spasso il cane, quando noti una vettura che ti passa accanto, rallenta e di punto in bianco si ferma in mezzo alla strada; l'autista fa per mettere la retromarcia, quando arriva un'altra macchina: allora lui riparte e, senza mettere la freccia, si ferma nuovamente (rischiando di essere tamponato). Quando finalmente riesce a fare manovra ti si ferma accanto, abbassa il finestrino e ti chiede come mai, più indietro, non hai raccolto la merda (cit.) del tuo cane.

Eccolo. L'anziano che non ha niente da fare tutto il giorno e va in giro a farsi giustizia da solo. Non è il primo e non sarà nemmeno l'ultimo che incontri. Gli fai notare il portasacchetti che pende. sprezzante, dal guinzaglio del tuo cane, e - tanto per gradire - tiri fuori dalla tasca della giacca il rotolo di sacchetti di scorta che porti sempre con te (eh, quando ci si mette il tuo cane caga quanto un cinghiale). Lo informi che, se proprio ci tiene, nel cestino a 100 metri di distanza potrà trovare un sacchetto identico a quelli che gli hai appena mostrato, e se proprio ci tiene può anche aprirlo per constatare la freschezza e la fragranza degli escrementi di cane in esso contenuti.

Lui per tutta risposta ti dice che il viale di fronte a casa sua è pieno di merda (cit.) di cane, continua a sostenere che tu non hai raccolto un bel niente e, quando ti incazzi, ti intima di non alterarti (da non credere!). Ma di tutti i maleducati che passano da quella via e non raccolgono i bisogni dei rispettivi cani, costui doveva proprio prendersela con l'unico stronzo (sempre per restare in argomento...) che li raccoglie?

E' proprio vero che non ci sono più i Giustizieri della Notte di una volta...

Più bocciofile, servono decisamente più bocciofile.

No Tav: non ci sono più i provocatori di una volta...


Il "leone" e la pecorella.

Tutti abbiamo visto e rivisto il video che vede protagonista un manifestante "no Tav" mentre insulta e provoca un rappresentante delle forze dell'ordine, che ovviamente mantiene il sangue freddo ed evita reazioni; il "leone" e la "pecorella", insomma.

In questa brutta vicenda, a parer mio, c'è un...dettaglio che penso sia oltremodo chiaro: il manifestante che si diverte ad insultare il carabiniere altri non può che essere se non un provocatore infiltrato tra i bravi manifesanti. Andiamo! Il tentativo di gettare fango sull'intero movimento "no Tav" tramite questo video è talmente chiaro che non ci vuole certo un genio per rendersene conto.

Bisognerebbe essere oltremodo ingenui per comportarsi in quella maniera davanti ad una telecamera: qualsiasi persona sana di mente, infatti, davanti alle immagini di un ragazzotto che provoca un carabiniere dandogli (tra l'altro) della "pecorella" non potrebbe che schifare l'intero movimento che - si suppone - in quel frangente di troverebbe ad essere rappresentato dal ragazzotto.

Bisognerebbe essere oltremodo ingenui per sputtanare definitivamente - in nemmeno due minuti - un movimento che, di suo, ha già dato prova di intenti autolesionistici. Bisognerebbe essere oltremodo ingenui per fornire all'opinione pubblica - su un piatto d'argento - un'altra (ottima) ragione per dare contro ai manifestanti. Eh già: bisognerebbe essere oltremodo ingenui.

E' in conclusione chiaro l'intento del protagonista del video: gettare fango sull'intero movimento "no Tav" facendosi tranquillamente riprendere mentre provoca e insulta le forze dell'ordine (come un Balck Block qualsiasi, dio li abbia in gloria ma anche no). Trattasi dunque di un provocatore infiltrato tra i bravi manifestanti, e razionalmente - lo ribadisco - non può essere altrimenti: se io fossi un bravo manifestante, infatti, davanti a quel video mi incazzerei di brutto. E non col carabiniere.
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget