31.3.11

New Star Soccer 5: il trailer ufficiale



Un trailer del genere oltre a farmi ridere di brutto (il che significa che mi fa ridere nel senso buono del termine) mi fa venire voglia di comprare questo New Star Soccer 5; un "hurrà" per la decisione degli sviluppatori di rinunciare ad un motore grafico 3D (presente in New Star Soccer 2010) per un 2D anziano e collaudato come il sottoscritto.

Maggiori informazioni sul sito ufficiale Newstarsoccer.com.

Lampedusa: gli impegni concreti

  • Comprare una villa sull'isola;

  • Costruire un Casinò (con l'accento sulla "o") sull'isola;

  • Costruire un campo da golf sull'isola;

  • Candidare l'isola al Nobel per la pace;

  • Studiare un nuovo "piano colore" per le case dell'isola;

  • Congelare per un anno il pagamento delle tasse agli abitanti dell'isola;

  • Realizzare la riforma della giustizia;

  • Trova l'intruso.

    Stanno lavorando per noi.

    29.3.11

    Donington 2011, Superbike - Maxime Berger perde...il posteriore (letteralmente)

    Donington 2011, Superbike, Gara 1 - Io non sono mai salito - in qualità di pilota - su una moto, ma sono persuaso del fatto che una delle ragioni che può portare ad una caduta è la perdita del posteriore.

    Durante la recente gara svoltasi a Donington, il pilota del team Supersonic Ducati Maxime Berger ha sperimentato questa dura legge del motociclismo in maniera...letterale; vedere il video per credere:



    Per fortuna il pilota francese non si è fatto nulla; ulteriori informazioni sul sito ufficiale del mondiale Superbike.

    28.3.11

    Perugia Story - I momenti più belli



    Perugia Story - I momenti più belli
    servizio di Marco Taccucci
    Il Grifo che rivogliamo!

    25.3.11

    Le situazioni dell'Amore: il videogioco definitivo



    Sul Marketplace di Xbox 360 è arrivato il videogioco definitivo per quanto riguarda la simulazione delle difficili situazioni nelle quali ci mette il sentimento più bello di tutti: l'Amore.

    Dal corteggiamento al primo appuntamento, dalla prima limonata dura al primo pranzo a casa dei genitori di lei, dall'attesa serata al cinema alla nascita del primo figlio, la costruzione di un amore (come direbbe il grande Ivano Fossati) ci mette in situazioni ad alta tensione, situazioni nelle quali si decide della nostra felicità o della nostra disfatta.

    Ebbene, Try Not to Fart di Silver Dollar Games (questo il titolo del videogioco) simula in maniera realistica tutti questi difficili momenti ponendo l'accento su uno dei problemi più comuni che troncano sul nascere anche le storie d'amore più promettenti: scopo del gioco infatti è trattenere, durante i momenti più importanti che vedono la nascita e la crescita di una relazione amorosa, i propri gas intestinali pigiando la corretta sequenza di tasti. In sostanza trattasi di un quick time event della scoreggia: se premi i tasti giusti del controller, riesci a trattenere il peto e l'Amore trionfa; se sbagli la sequenza di tasti, il peto prorompe dirompente mettendo a rischio la relazione.

    Geniale: chi non ha sofferto le pene dell'inferno quando, durante il primo appuntamento, si è visto costretto a trattenere per 4-5 ore i propri gas intestinali? A chi non è scappata violentemente la cacca davanti ad una proposta di matrimonio arrivata in maniera inattesa? Try Not to Fart trasforma in videogioco questi momenti di intima sofferenza, testimoniando una volta di più il fatto che l'Amore non produce solo figli...ma anche gas.

    Incredibile! Duke Nukem Forever rimandato!



    Incredibile a dirsi, ma tramite il video che potete visualizzare qui sopra il presidente di Gearbox Software, Randy Pitchford, ha di fatto annunciato che l'uscita nei negozi dell'atteso (da...14 anni) Duke Nukem Forever è stata rimandata.

    Il Duca tornerà sui nostri schermi e sulle nostre tv non il 6 maggio prossimo, come comunicato in precedenza, ma il 10 giugno; questa è una storia che ho già sentito...

    24.3.11

    Gli "schiacciapensieri" tornano su Pica-pic.com

    Quando ero più giovane non è che non esistessero videogiochi portatili: erano solo differenti da quelli che si trovano in commercio oggi.

    Niente iPhone, niente PSP, o PSP 2, niente Nintendo DS, o Nintendo DSi, o Nintendo 3DS (che potrete trovare in tutti i negozi a partire da domani 25 marzo 2011); ai miei tempi si giocava con gli schiacciapensieri, che avevano un bello schermo LCD (anche due, a seconda dei modelli) e - se, tra una partita e l'altra, ti ricordavi di questo dettaglio - svolgevano anche la funzione di orologio e sveglia. Ne esistevano un'infinità, ma il mio preferito era senza ombra di dubbio Camelot della Q&Q: di notte mi sogno ancora il drago che secca il Principe, o il corvo che gli scippa la principessa sulla porta del castello costringendolo ad un rapido - e periglioso - dietro-front per andare a recuperarla. Che gioco!

    Tutti i nostalgici di quei bei tempi andati possono ora fare un tuffo nel passato affidandosi al proprio browser preferito e visitando il sito Pica-Pic.com: ad aspettarli c'è una bella raccolta di "giochini", con tanto di tasti configurabili e classifiche coi punteggi record. Camelot non c'è ancora, ma in compenso ho trovato un altro mio vecchio "amore": Thief in the Garden, col suo raffinato design, i suoi cani deformi ed i gendarmi manganellodotati (che io dribblavo, nella mia fuga verso la libertà, come un Messi d'altri tempi). C'è di che commuoversi, insomma.

    Altri tempi. Lacrima.

    22.3.11

    Lampedusa


    L'isola di Lampedusa (isula di Lampidusa in lingua siciliana), in provincia di Agrigento, è la più estesa dell'arcipelago delle Pelagie nel mar Mediterraneo. Assieme a Linosa conta 6.304 abitanti.Con una superficie di 20,2 km², è la sesta per estensione delle isole siciliane.

    In antichità il nome era Lopadùsa (Λοπαδουσσα in greco). Amministrativamente, assieme con Linosa, forma il comune di Lampedusa e Linosa di cui è la sede municipale.

    Tratto da Wikipedia

    Libia


    La Libia, ufficialmente Grande Giamahiria Araba Libica Popolare Socialista, è uno Stato del Nordafrica. La sua capitale è Tripoli.

    La Libia occupa la parte centrale del Nordafrica, affacciandosi sul Mar Mediterraneo intorno al Golfo della Sirte, tra il 10º ed il 25º meridiano est; la Libia è il quarto paese dell'Africa per superficie, il sedicesimo del mondo. Confina a nord-ovest con la Tunisia, a ovest con l'Algeria, a sud con il Niger e il Ciad, a sud-est col Sudan, a est con l'Egitto.

    La Libia è una Jamāhīriyya (regime delle masse), l'attuale capo di stato è Mu'ammar Gheddafi. La lingua ufficiale è l'arabo.

    Tratto da Wikipedia

    21.3.11

    SBK 2011: primo trailer ufficiale


    Primo trailer ufficiale per SBK 2011.

    17.3.11

    150° anniversario dell'Unità d'Italia: festeggiamo

    Oggi, giovedì 17 marzo 2011, festeggiamo il 150° anniversario dell'Unità d'Italia.

    Oggi festeggiamo il Premier, che ha finalmente convinto i suoi avvocati a permettergli di presenziare - ogni lunedì - ai processi che lo coinvolgono.

    Oggi festeggiamo il governo che non ha mai attaccato la scuola pubblica, e che dice che ogni genitore dovrebbe avere il diritto di mandare i propri figli a studiare in una scuola privata.

    Oggi festeggiamo chi vuole l'istituzione della prestigiosa festa della Lombardia.

    Oggi festeggiamo l'UdC ed il FLI, che hanno ribadito di essere favorevoli al ritorno del nucleare in Italia.

    Oggi festeggiamo Ruby Rubacuori e le sue amiche.

    Oggi festeggiamo i consiglieri regionali lombardi della Lega Nord (consiglieri che percepiscono uno stipendio dallo Stato Italiano), che durante l'esecuzione dell'inno di Mameli - esecuzione che ha aperto i lavori dell'assemblea al Pirellone - sono andati al bar a bersi un caffè.

    Oggi festeggiamo la cedolare secca sugli affitti.

    Oggi festeggiamo la decisione di non far svolgere il referendum sul nucleare insieme alle prossime elezioni amministrative.

    Oggi festeggiamo il fatto che, con la nuova riforma, alle scuole elementari si studierà più religione (2 ore) che inglese (1 ora).

    Oggi festeggiamo il processo breve.

    Oggi festeggiamo la sinistra italiana, per la fiera opposizione al governo, per i suoi chiari programmi e per l'unità che la caratterizza.

    Oggi festeggiamo il fatto che no, al Nord non c'è la criminalità organizzata.

    Oggi festeggiamo il Garibaldi bruciato a Schio.

    Oggi festeggiamo gli italiani, sperando che abbiano buona memoria. I festeggiamenti continuano sul sito Italiaunita150.it.

    16.3.11

    In Ufficio 23

    A - La sai l'ultima sulla Sampdoria?

    B - No!

    A - E' come il bagno nei ristoranti: in fondo a destra!

    B - Fa ridere perchè è vero...

    A - ...fa ridere perchè l'ha detta un genoano.

    Riccardo Garrone, Presidentissimo della Sampdoria

    15.3.11

    Inter, peccato: impresa solo sfiorata

    Champions League, ottavi di finale, ritorno - L'inter dell'ex milanista Leonardo sfiora la grande impresa nel match di ritorno degli ottavi di finale della Champions League, disputato all'Allianz Arena di Monaco di Baviera contro il Bayer Monaco delle stelle Ribery, Robben e Muller.

    L'impresa, però, come scritto è stata solo sfiorata: dopo la sconfitta interna per 0 -1 subita a San Siro, sfortunatamente infatti l'Inter esce vittoriosa dalla gara di Monaco: 2 - 3 il risultato finale per i nerazzurri, con goals di Eto'o, Sneijder e Pandev. I Campioni d'Europa in carica passano dunque il turno, e con questo risultato il calcio italiano fallisce - quando ormai i giochi sembravano fatti! - il fantastico triplete di eliminazioni agli ottavi di finale; se Milan e Roma avevano fatto il loro dovere, l'Inter sfiora solo l'impresa...ma ahimè il verdetto finale la vede continuare il proprio cammino nella Champions League.

    Il calcio italiano, in conclusione, ringrazia Milan e Roma per l'impegno profuso nel raggiungimento del prestigioso traguardo del triplete di eliminazioni, un traguardo che solo lo scarso amor patrio dei nerazzurri rimanda a data da destinarsi. L'Inter si qualifica, e l'Italia dice addio al triplete!

    L'Inter passa il turno, e il calcio italiano fallisce il...triplete di eliminazioni!

    10.3.11

    Damaschi & Grifo Story



    I primi 9 mesi di Roberto Damaschi, presidente dell'ASD Perugia.
    Servizio di Marco Taccucci.

    Milan, peccato: impresa solo sfiorata

    Champions League, ottavi di finale, ritorno - Il Milan di Massimiliano Allegri sfiora l'impresa a Londra, sponda Tottenham, nella partita di ritorno degli ottavi di finale di Champions League.

    Dopo la sconfitta casalinga (0 - 1) subita allo Stadio di San Siro nella gara di andata, i rossoneri ci mettono cuore e grinta (ma non troppa, visto che Gattuso era squalificato) ma per un soffio non riescono a ribaltare il risultato ed a qualificarsi per i quarti di finale del più prestigioso torneo continentale.

    Il pareggio a reti inviolate (0 - 0) condanna infatti un Milan che ha dovuto accontentarsi di soli 90 minuti (più recupero) per provare a segnare quella rete che avrebbe riequilibrato il match e aperto prospettive di qualificazione per la squadra ormai (virtualmente) Campione d'Italia 2010 - 2011. Da segnalare il solito, devastante Zlatan Ibrahimovic: memorabile la partita dello svedese, sempre decisivo ed incontenibile quando gioca in Europa ma scarsamente supportato dai compagni. E' stato comunque un Milan combattivo e sfortunato, al quale è mancato davvero poco per realizzare un vero e proprio miracolo sportivo.

    E settimana prossima tocca all'Inter.

    Milan, impresa solo sfiorata

    9.3.11

    E' morto Michael Starr, storico bassista degli Alice in Chains

    Ieri, 8 marzo 2011, un altro dei membri storici degli Aliche in Chains ha perso la sua battaglia contro la droga: il corpo di Mike Starr, bassista degli Alice dal 1987 al 1993 (con all'attivo gli album Facelift e Dirt), è stato ritrovato in una casa di Salt Lake City; la causa della morte sarebbe da attribuirsi ad una overdose da stupefacenti. Il 5 aprile del 2002 la medesima sorte era toccata a Layne Staley, storica ed insostituibile voce della band.

    Ricordo che in quella occasione era stata mia sorella - con la grazia di un elefante - a darmi la notizia: "mi pare che è morto quel cantante di quel gruppo che ascolti tu, Alice-qualcosa", notizia poi confermatami da un amico che di musica ne sa più di me e tutti voi messi insieme; stavolta a riferirmi il fatto è stato un collega al quale la notte scorsa era stata comunicata la morte del bassista degli Alice in Chains sbagliato (Mike Inez), collega che per fortuna stamattina - prima di portare pena - aveva già verificato le sue fonti.

    Mike Starr aveva abbandonato gli Alice in Chains nel 1993 (fu sostituito da Mike Inez) a causa della sua dipendenza dall'eroina; nel 2009 aveva partecipato al reality Celebrity Rehab, nel quale personaggi famosi raccontano al pubblico i loro problemi con droghe ed alcool, e la loro lotta per uscire da queste dipendenze. Nel febbraio scorso Mike Starr era stato arrestato perchè trovato in possesso di farmaci per i quali è necessaria la prescrizione: Starr però aveva solo i farmaci, ma non la prescrizione.

    Sul sito ufficiale degli Alice in Chains, tornati alla ribalta nel 2009 con l'album Black Gives Way to Blue, è comparso questo messaggio: "Members of Alice in Chains are mourning the loss of their friend and ask that the media respect their privacy - and the privacy of the Starr family - during this difficult time. Their thoughts & prayers are with the Starr family.".

    Mike Starr
    4 aprile 1966, 8 marzo 2011

    Roma, peccato: impresa solo sfiorata

    Champions League, ottavi di finale, ritorno - La Roma di Vincenzo Montella sfiora l'impresa a Donetsk, nella partita di ritorno degli ottavi di finale di Champions League.

    Dopo la sconfitta casalinga (2 - 3) subita allo Stadio Olimpico nella gara di andata, i giallorossi ci mettono cuore e gomiti ma per un soffio non riescono a ribaltare il risultato ed a qualificarsi per i quarti di finale del più prestigioso torneo continentale: sarebbe infatti loro bastato segnare 4 goals in 3 minuti (più recupero) per battere lo Shakhtar 3 - 4 e beneficiare della regola dei goals segnati in trasferta, ma ahimè la sorte avversa volle altrimenti.

    La squadra ucraina, che in casa non perde da ben 55 partite, era passata in vantaggio al 18° del primo tempo con Hubschman, e nella ripresa aveva prima raddoppiato (rete di Willian) e poi realizzato il goal del 3 - 0 con Eduardo quando mancavano ancora 3 minuti (più recupero) alla fine del match. Da segnalare anche l'espulsione di Mexes, un rigore sbagliato da Borriello sull'1 - 0 (strano, Borriello è uno che "segna 1.000 goals a partita") e la gomitata di De Rossi a Srna, non vista dall'arbitro. Insomma una Roma combattiva e sfortunata, al quale è mancato davvero poco per realizzare un vero e proprio miracolo sportivo.

    E stasera tocca al Milan.

    Roma, impresa solo sfiorata

    4.3.11

    Strategie di marketing: il Garibaldi bruciato

    Il 17 marzo (giorno in cui si festeggerà il 150° anniversario dell'Unità d'Italia) si avvicina, e si moltiplicano le manifestazioni di celebrazione; tra le tante, una in particolare ha destato clamore (vedi ad esempio Corriere.it e Ilgionaledivicenza.it): sabato 26 febbraio davanti alla discoteca Hollywood di Schio è stato bruciato un fantoccio con le sembianze di Giuseppe Garibaldi, l'"Eroe dei due mondi": al fantoccio rossocamiciato era stato appeso al collo un cartello con la scritta "l'eroe degli immondi".

    Complimenti agli ideatori della bella iniziativa: memori dell'insegnamento dei migliori pubblicitari hanno infatti costruito il messaggio in modo da veicolarlo nella maniera più efficace possibile presso il loro target di riferimento. Un'azione di questo tipo si rivolge senza dubbio ad un pubblico giovane e avido di imput, e ciò spiega sia la location scelta per il falò (una discoteca, luogo frequentato prettamente da giovani), sia l'oggetto dello stesso (Giuseppe Garibaldi, sicuramente l'unico protagonista del Risorgimento che, almeno per sentito dire, possa essere identificato dal target di riferimento dell'azione, i predetti giovani).

    Tirando le somme, bruciare davanti ad una discoteca un fantoccio di Giuseppe Garibaldi con al collo un cartello con la scritta "l'eroe degli immondi" è un modo geniale per attrarre i giovani - un certo tipo di giovani - senza pretendere da loro particolari capacità di riflessione o raziocinio, rendere interessante il messaggio ai loro occhi e, quindi, convincerli della bontà dello stesso. Sottolineo, qualora fosse il caso, che il pubblico di riferimento non è comunque limitato ai giovani vicentini che si fossero trovati in loco la sera del falò: è scontato che nel nord d'Italia (territorio altrimenti conosciuto come Padania) i giovani potenzialmente attratti da un messaggio di questo tipo sono numerosissimi. E non si tratta di una novità.

    I giovani che oggi si eccitano davanti al Garibaldi in fiamme sono infatti gli stessi - dal punto di vista del marketing - che ieri si sentivano "fighi" declamando slogan contro i "terroni" o contro i "negher", e che si beavano delle loro spilline e dei loro adesivini evitando giustamente di proseguire oltre nel processo dialettico di appropriazione del messaggio veicolato: la metodologia di comunicazione è la medesima, se si è rivelata vincente allora si rivelerà vincente anche oggi, ovviamente apportando le dovute modifiche.

    Le celebrazioni per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, in ogni caso, continuano: tra le voci più simpatiche che stanno circolando c'è quella che da per sicura l'organizzazione del Primo campionato Padano di lancio di BOOMERANG.

    La pubblicità è l'anima del commercio

    3.3.11

    Luciano Gaucci: "Ospiterei Gheddafi a Santo Domingo"

    Le Iene Show, ore 21:10, Italia 1, questa sera: un appuntamento da non mancare se proprio avvertite un impellente bisogno di soffrire. Nel corso della puntata verrà infatti mandato in onda un servizio del simpatico Enrico Lucci, il quale è volato a Santo Domingo ad intervistare Luciano Gaucci (tornato ad essere un uomo libero dopo la conclusione del processo per il crack del Perugia Calcio).

    Inevitabile, visti i recenti fatti di cronaca, che il discorso andasse a parare sulla Libia. Gaucci, parlando dei suoi rapporti con Muammar Gheddafi, ha dichiarato "Lo ospiterei...sarò il primo ad ospitarlo"; ai tempi del Perugia Calcio era stato il figlio di Gheddati, Al Saadi, a...beneficiare dell'ospitalità di Gaucci, che aveva offerto una maglia del glorioso Grifo al figlio del dittatore (secondo Gaucci questo avrebbe contribuito al riavvicinamento tra Italia e Libia). Gaucci definisce inoltre Muammar Gheddafi "una persona squisita, un uomo unico ed eccezionale", e rivolgendosi direttamente a lui lo ringrazia perchè "insieme ad Andreotti siete stati le persone che hanno fatto tutto e tanto per me" (Andreotti sarà felice di questo accostamento?).

    Chiudo citando le parole - che condivido in toto - di Danilo Tedeschini di AC-Perugia.com, sito dal quale ho ripreso la news: "Quando l'altro giorno a cena sentimmo la notizia che GIUSTAMENTE nessun paese del mondo vorrebbe ospitare Gheddafi in esilio, e ci venne spontaneo fare la battuta 'Bè, potrà sempre andare a Santo Domingo da Gaucci', mai avremmo sospettato che solo ventiquattro ore dopo una 'boutade' del genere potesse, purtroppo, trasformarsi in una verità".

    Al Saadi Gheddafi
    2003-2005 Perugia 1 (0) - 2005-2006 Udinese 1 (0) - 2006-2008 Sampdoria 0 (0)
    Related Posts with Thumbnails
    Si è verificato un errore nel gadget